Probabile svolta per il profilo di assistente di studio odontoiatrico. Nell’ultima riunione al ministero della Salute del 25 febbraio si è arrivati, grazie anche alla fattiva e costante presenza e collaborazione di AIO, a un testo condiviso tra le associazioni odontoiatriche, le associazioni delle assistenti di studio, il coordinamento delle regioni per la formazione ed il Ministero della Salute. «C’è accordo su un testo che aggiorna il precedente DPCM e ne risolve le criticità sollevate in questi anni» anticipa il Segretario di Associazione Italiana Odontoiatri Danilo Savini. «Un testo che, sottolineo, è definitivo ed immodificabile. Siamo felici del lavoro svolto e della collaborazione con il ministero in lunghe ore di riunione
«Ora – prosegue Savini – mancano alcuni passaggi finali come quello in Conferenza Stato Regioni e poi la stesura e l’emanazione del nuovo DPCM, si tenterà di far entrare in vigore le nuove norme, complessivamente molto più “accessibili”, entro il termine del 24 aprile, ultima data utile cui si rinviava dopo la riunione dello scorso anno. Il processo per avere nei nostri team assistenti di studio qualificate, con formazione aggiornata ed assumerne nuove con contratti allineati allo spessore del profilo va avanti finalmente con l’accordo di tutti; un ringraziamento in questo senso va al Ministero della Salute che molto si è speso per rimediare ai “punti oscuri” della precedente normativa». Riserviamo ai prossimi giorni i dettagli, al momento il Ministero della Salute ha chiesto riservatezza sul testo.

Contattaci

Utilizza il form sottostante per entrare in contatto con noi.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.






Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l’informativa sulla privacy ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali *
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 3.1
Do il consensoNego il consenso
Finalità 3.2
Do il consensoNego il consenso
Finalità 3.3
Do il consensoNego il consenso