Formazione

18/01/2017

Crediti ECM mancanti? Scopri tutti i dettagli della proroga 2017


Ebbene sì, la Commissione nazionale per la formazione continua (ECM) ha prorogato per l’anno in corso (tutto il 2017)  la possibilità di conseguire crediti formativi relativi al triennio 2014-2016. Nella riunione del 13 dicembre scorso, si è deciso che fino al 31 dicembre 2017 ci si potrà mettere in regola con i crediti ECM del triennio appena concluso, fino al cinquanta per cento (50%) del proprio obbligo formativo.


Questo il comunicato integrale, pubblicato sul sito di Agenas http://ape.agenas.it/comunicati/comunicati.aspx?ID=100


Quanti crediti vanno maturati nel nuovo triennio?


Una media di 50 all’anno, anche se il punteggio varia a seconda delle situazioni personali (esoneri, etc). Il fabbisogno complessivo da maturare rimane invariato: 150 crediti complessivi in tre anni.


Chi può beneficiare della proroga ECM?


Potranno mettersi in regola con i crediti ECM mancanti solo coloro che alla data del 31/12/2016 hanno conseguito almeno 75 crediti ECM, ovvero la metà del fabbisogno di 150 crediti dell’intero triennio 2014-2016. Sono da considerarsi esclusi dal conteggio dei 150 crediti eventuali esoneri ed esenzioni dall’obbligo degli ECM.


Come saranno considerati i crediti ECM maturati nel corso del 2017?


Si potranno recuperare fino a un massimo di 75 crediti ECM validi per il triennio 2014-2016. I crediti che man mano si acquisiscono quest’anno, se maturati quale recupero del debito formativo del triennio 2014-2016, NON contano ai fini del soddisfacimento dell’obbligo formativo relativo al triennio 2017-2019. Solo una volta soddisfatto il debito formativo contratto nel triennio 2014-2016, si inizieranno ad accumulare i crediti per il nuovo triennio 2017-2019.


Si può ottenere la certificazione dell’Ordine anche maturando nel 2017 i crediti dovuti negli anni scorsi?


Sì. Maturare i crediti ECM mancanti permette di ottenere la certificazione di soddisfazione del debito formativo per il triennio 2014-2016. La certificazione è rilasciata su richiesta del professionista al proprio Ordine. Non va confusa con l’attestato di partecipazione al programma Ecm che l’Ordine rilascia a tutti coloro che frequentano i corsi.


Perché si aiuta chi non ha assolto al debito formativo Hanno fatto una sanatoria?


NO, perché esclusivamente chi ha assolto all’obbligo formativo per tempo, ha diritto ai bonus (sconti) sul numero di ECM per il triennio 2017-2019.


Ecco come calcolarli:

  • Chi nel triennio 2014-2016 ha acquisito un numero di crediti compreso tra 121 e 150, per il triennio 2017-2019 avrà una riduzione di 30 crediti e quindi dovrà accumulare in tutto 120 crediti ECM;
  • Chi nel triennio 2014-2016 ha acquisito un numero di crediti compreso tra 80 e 120, per il triennio 2017-2019  avrà una riduzione di 15 crediti e quindi dovrà accumulare in tutto 135 crediti ECM.

Che cosa fa l’Associazione Italiana Odontoiatri per la formazione continua dell’Odontoiatra?


Con AIO si possono facilmente recuperare i crediti: basta andare sul sito dell’Associazione www.aio.it e valutare tutti i corsi proposti nel primo semestre. Inoltre a giugno e’ possibile recuperare fino a 27 crediti iscrivendosi al IX Congresso Internazionale AIO in Sardegna (congress.aio.it ). Un congresso che per inciso rilascia anche crediti ADA Cerp, riconosciuti dall’American Dental Association (ADA), da far valere se si va ad esercitare Oltreoceano