Editoriali

23/09/2016

CONGRESSO ANTLO, AIO RIBADISCE: ODONTOTECNICO NON E' FIGURA SANITARIA


 


Il presidente AIO Pierluigi Delogu ha partecipato stamane al Congresso ANTLO e ha sottolineato che Associazione Italiana Odontoiatri, come qualsiasi altra associazione odontoiatrica, debba poter esprimere il suo pensiero in tutti i contesti in cui si dibatte di Odontoiatria. Questa la posizione condivisa nello specifico dal Presidente Delogu e dal Vicepresidente Fausto Fiorile:


1. AIO ritiene che la figura dell'Odontotecnico sia un fondamentale supporto dell’attività odontoiatrica, che si esplica in particolare nella fabbricazione di manufatti protesici ed ortodontici. Ma l'Odontoiatria non è solo protesi, anzi deve essere e dovrà essere sempre di più prevenzione e cura precoce delle patologie. Riteniamo che, in campo odontoiatrico, si possa incidere su temi di politica sanitaria in quanto Odontoiatri, o meglio in quanto sanitari che operano sul paziente e ne prendono in carico i bisogni clinici. Su tali basi sosteniamo da sempre concetti come l’importanza di puntare su controlli, prevenzione, educazione sanitaria per migliorare la salute dei cittadini e ci prefiggiamo di rendere sostenibili le cure affrontate dai nostri pazienti. Sarebbe un errore ridurre l’impostazione etica e sociale della nostra professione a un ragionamento in cui si privilegia la crescita della filiera.


2. AIO sostiene da sempre che la figura dell'Odontotecnico, importante e fondamentale, non debba essere una figura in ambito sanitario.  Le legittime richieste degli Odontotecnici per elevare il proprio percorso formativo, devono eventualmente essere soddisfatte in un ambito extra sanitario, richiedendosi all'Odontotecnico abilità tecnico scientifiche e non certo competenze mediche per costruire un manufatto ancorché perfetto negli aspetti tecnici.


3. AIO è fortemente contraria all'istituzione della figura dell'Odontoprotesista . La disciplina protesica in ambito odontoiatrico é una materia complessa che necessita di competenze mediche e non può ridursi alla semplice fornitura di una protesi, politica che invece molte Aziende sanitarie in Italia stanno cercando di proporre. Affidare la riabilitazione protesica a personale non medico significa abbassare in modo drammatico la qualità delle riabilitazioni offerte.


4. AIO è fortemente contraria a che ci possano essere rapporti diretti tra Odontotecnico e paziente; situazione che già esiste in alcune realtà territoriali dove le Aziende sanitarie consentono che le prestazioni protesiche siano fatturate direttamente al paziente da parte del laboratorio odontotecnico che fornisce i manufatti. La protesi non é un prodotto da banco, ma uno strumento per dare funzione ed estetica al paziente con problemi. Siamo convinti che queste procedure siamo fuori dalla legge.


5. AIO è da sempre convinta sostenitrice di una dura guerra contro l'abusivismo nella Professione Odontoiatrica, indipendentemente che il fenomeno sia alimentato dalle attività di Odontotecnici senza scrupoli o altre figure altrettanto spregiudicate. Siamo altresì convinti che in parallelo vada combattuto il fenomeno del prestanomismo attraverso il quale colleghi Medici e Odontoiatri altrettanto senza scrupoli coprono le attività di personale non abilitato.


6. L’utilizzo di sistemi Cad-Cam rientra tra le innovazioni tecnologiche che consentono all'Odontoiatra di applicare la propria terapia come stabilito dalla legge 409/85.


Pierluigi Delogu            Fausto Fiorile 


Presidente AIO            Vicepresidente AIO