COMUNICATO AIO
In occasione della scadenza del termine per la presentazione all’INAIL del
nominativo dell’RLS, previsto per il 16 maggio dal D.Lgs. 81/08 ed accogliendo l’invito
rivolto alle associazioni di categoria dal Ministro del Welfare Maurizio Sacconi a fornire
contributi e suggerimenti su questo tema, AIO ha incontrato, su delega del Ministro, il Dr.
Angelo Del Favero il giorno 8 maggio corrente mese.
La delegazione AIO composta dal Presidente nazionale Salvatore Rampulla e dal
Presidente regionale del Veneto Domenico Del Monaco ha evidenziato la necessità di
semplificare, per gli studi dentistici, alcuni degli adempimenti previsti dal T.U. proponendo
in particolare che la trasmissione del nominativo dell’RLS avvenga solo nei casi di
variazione rispetto a quanto già comunicato depenalizzando anche la sanzione attualmente
in vigore che appare esagerata. Si è chiesto, inoltre, una valutazione dei rischi
metodologicamente più semplice e più adeguata alla realtà minuscola dello studio
odontoiatrico.
Le proposte AIO sono state considerate fondate dal dr. Del Favero e degne di
essere inserite nell’ambito delle modifiche da sottoporre al Ministro Sacconi; pertanto ci
attendiamo che possano trovare accoglimento.
La delegazione AIO ha colto, inoltre, l’occasione per rilanciare l’importanza della
battaglia contro l’abusivismo sanitario proponendo di utilizzare per le Asl apparecchiature e
materiali confiscati agli abusivi, come già avviene per la Polizia di Stato che utilizza
automezzi confiscati ai malviventi.
In questo modo si otterrebbe il doppio risultato di contrastare più efficacemente
l’abusivismo e di rifornire a costo zero le ASL cronicamente bisognose di risorse.
Infine i rappresentanti AIO hanno documentato al rappresentante del Ministro
alcune ricerche fatte all’estero da cui si evince che qualità del risultato, efficienza del
servizio ed economicità della prestazione non possono convivere sotto lo stesso tetto e che
ad uno di questi parametri occorre rinunciare. Pertanto le proposte di cure a prezzi
scontati possono essere pericolose perché fanno venir meno la qualità delle prestazioni,
unico vero elemento di risparmio e di difesa della salute pubblica.
Bolzano, 12 maggio 2009
Il Presidente Nazionale Il Segretario Generale

Contattaci

Utilizza il form sottostante per entrare in contatto con noi.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.






Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l’informativa sulla privacy ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali *
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 3.1
Do il consensoNego il consenso
Finalità 3.2
Do il consensoNego il consenso
Finalità 3.3
Do il consensoNego il consenso