News

14/01/2016

730 PRECOMPILATO, PROPOSTA AIO DI PROROGA RIPRESA DA ANDI E CAO


 

NOTA DELL'ESECUTIVO ASSOCIAZIONE ITALIANA ODONTOIATRI

A metà dicembre, negli ultimi giorni utili, inviammo come direttivo AIO un emendamento per consentire una proroga a gennaio 2017 dell’invio dei dati dei pazienti all’Agenzia delle Entrate, ai fini della pre-compilazione del modello 730, ma il Legislatore non ci ha ascoltato. Ora che la frittata è fatta, medici e dentisti sono alle prese con la complessa organizzazione delle procedure e l’attribuzione delle credenziali per poter spedire i contenuti delle fatture 2015 entro diciannove giorni da oggi. Ci  fa piacere riscontrare che anche il Presidente Nazionale Cao Giuseppe Renzo non è soddisfatto per come sono andate le cose in Parlamento e chiede il rinvio dell’onere, come del resto fa anche il Presidente Andi Gianfranco Prada.

AIO ha sempre sostenuto la necessità di prorogare l’onere. Non ha invece presentato ricorso, diversamente da ANDI che attende a settimane la sentenza Tar sulla base delle incongruenze osservate nella normativa. AIO è consapevole che per far contare di più il suo rapporto con il paziente l’Odontoiatra deve accreditarsi, rendersi “accountable” di fronte all’istituzione statale, anche in casi come questi in cui essa sembra disinteressarsi della prestazione sanitaria, del tempo che essa richiede, e della sua qualità. Tuttavia, è fermamente contraria all’introduzione di sanzioni -100 euro a fattura errata – senza alcuna consultazione con la Professione. Né giova a farci tornare sui nostri passi la successiva ancora confusa correzione in Finanziaria (niente sanzioni per ritardi lievi riscontrati e per errori che non incrementino le detrazioni per i cittadini), che sta generando frettolosi consigli ai professionisti contitolari di studi associati e società: nessun comportamento è privo di rischi se non è dettagliato o approvato in un provvedimento del Ministero dell’Economia.

AIO torna a chiedere con forza una proroga dell’incombenza e delle relative responsabilità, come da proposta emendativa avanzata, e questo in sintonia e unitariamente alle richieste della Commissione Albo Odontoiatri della FnomCeo e con ANDI. Associazione Italiana Odontoiatri chiede che per l’invio dei dati 2015 si proceda sperimentalmente, e il periodo sperimentale prosegua nel 2016, senza obblighi stringenti, atteso l’impegno della categoria ad adeguarsi a un percorso di semplificazione entro l’anno, in tempo per conferire al 730 precompilato 2017 i dati di quest’anno e procedere con la spedizione delle fatture “in tempo reale” dall’anno prossimo.