Oggi, 25 maggio 2018, entrerà ufficialmente in vigore il tanto declamato Regolamento Europeo sulla Privacy. Negli ultimi mesi si sono rincorse molte voci e molte teorie in merito a come questo Regolamento dovesse essere applicato in Italia. AIO, come sempre, ha deciso di avere un atteggiamento cauto per evitare di creare falsi allarmismi e al tempo stesso di fornire notizie fuorvianti. Eravamo tutti in attesa del pronunciamento del Garante che potesse far chiarezza; chiarimento che non è arrivato, visto che lo stesso Garante ha chiesto delle modifiche al testo di attuazione.

Nel ricordare che AIO ha messo a disposizione dei propri soci, già da qualche settimana, un servizio di consulenza gratuita sulla applicazione della nuova normativa.

• Anche se come anticipato non ci sono ancora stati pronunciamenti chiari in merito, ciò che sta emergendo, è che sia necessario iniziare un Processo di adeguamento alla normativa europea che non potrà chiaramente essere portato a termine nell’immediato, ma che è necessario poter dimostrare di aver intrapreso. Entrando nel merito dell’adeguamento, AIO, grazie al suo pool di esperti, ha messo a punto come prima cosa i Moduli di Informativa (vedi link per poterli scaricare) che dovranno essere controfirmati da parte dei Pazienti, dei Dipendenti e dei Fornitori.

• Per continuare in questa prima fase il processo di adeguamento è fondamentale la Formazione. Formazione che potrà  essere effettuata attraverso diverse modalità che già le sedi locali hanno attivato, ferma restando l’opportunità di effettuare una formazione quanto più individualizzata e calata nella specifica realtà di ogni Studio. Crediamo che quest’ultimo tassello sia fondamentale anche perché siamo fermamente convinti che per poter affrontare tutte le incombenze burocratiche che lo Stato e l’Europa ci impongono ogni giorno di più, sia fondamentale partire dalla conoscenza e consapevolezza del problema di fondo. 

• Un altro elemento che pare emergere, sempre in attesa del riscontro del Garante, è la mancata necessità di nominare il DPO (Data Protection Officier)  come invece era emerso inizialmente.


Infine, stando al resoconto delle due Commissioni speciali per gli atti urgenti di Camera e Senato riunitesi due giorni fa, i relatori hanno fatto emergere che i tempi per poter provvedere all’armonizzazione della nuova disciplina regolamentare in materia di privacy sono troppo stretti, poiché il Governo ha trasmesso lo schema di decreto legislativo alle Camere solo il 10 maggio. Per tanto “il nuovo termine per l’esercizio della delega è individuato nel 21 agosto 2018”. Nell’ambito della stessa relazione, però, emerge che il termine potrebbe anche essere anticipato.

Il consiglio, per tanto, è quello di iniziare sin da subito il processo di adeguamento al nuovo Regolamento in materia di privacy così come sopraindicato.

Per usufruire dei benefici dei soci, iscriviti ad AIO.
Visita il sito 
www.aio.it
oppure informati presso la Segeretria, contattando il numero 0114343824

Dott. Gaetano Memeo
Il Segretario sindacale Nazionale

Contattaci

Utilizza il form sottostante per entrare in contatto con noi.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.





Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l’informativa sulla privacy ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali *
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 3.1
Do il consensoNego il consenso
Finalità 3.2
Do il consensoNego il consenso
Finalità 3.3
Do il consensoNego il consenso