Editoriali

19/10/2010

Ricordo del Prof. Sergio Bassani


In seno alla sua famiglia, discretamente, si e´ spento il Professor Sergio Bassani. Per sua espressa volonta’, la notizia della sua scomparsa non e’ stata divulgata.

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Universita’ di Bologna, specialista in Odontoiatria presso la stessa universita’ e in ortognatodonzia presso l’Universita’ di Cagliari.

Primario del reparto Ortodonzia dell’Istituto A. Beretta di Bologna, ha ricoperto l’incarico d’insegnamento dell’Ortodonzia presso le scuole di specializzazione in Odontoiatria delle Universita’ di Bologna e Bari. Formatosi alla scuola del Professor Giorgio Maj, diventandone uno dei

piu’ stretti collaboratori, si e’ perfezionato negli Stati Uniti alla Tweed Fondation. Autore di numerose publicazioni su riviste italiane e estere e’ stato autore con il Professor Maj di un trattato di Ortognatodonzia in tre volumi, adottato come testo da molte Scuole Odontoiatriche Italiane.

Per oltre 15 anni ha diretto un master in ortodonzia con sede a Torino e Lecce, al quale si sono formati decine di Ortodontisti.

Dotato di una manualita’ proverbiale, appassionato di Biomeccanica ha avuto delle intuizioni geniali, la sua notorieta’ e’ legata sopratutto all’apparecchiatura per la correzione delle malocclusioni di II classe 2° divisione che porta il suo nome, che e’ il frutto di una approfondito studio sui meccanismi che regolano la masticazione e la crescita cranio-facciale.


Ho incontrato il Professor Bassani per la prima volta nel reparto Ortodonzia della Clinica odontoiatrica di Bari, era il 1980, insegnava Ortodonzia presso la scuola di specializzazione ed era responsabile del reparto ortodonzia, dove erano in trattamento centinaia di pazienti, provenienti da

tutto il meridione, affetti da gravi malformazioni maxillo- facciali.

Nel reparto regnava un clima di serenita’. Rimasi incantato una intera giornata nel vederlo lavorare, quando il giorno dopo mi ripresentai, mi chiese in romagnolo se intendevo solo continuare a guardare o se volevo anche dargli una mano. Comincio’ cosi’ una lunga gavetta che mi porto a

collaborare con il professore per i successivi 20 anni.



“Grazie, Professor Bassani, grazie per avermi dato la possibilita’ di essere un suo allievo, per avermi trasmesso questa grande passione per l’ortodonzia e per avermi sempre stimolato a crescere professionalmente, per non aver mai perso l’occasione d’insegnarmi qualcosa e per essere stato critico, severo , indulgente, e quando dopo anni di tirocinio, non trovavo il coraggio d’iniziare un trattamento, avermi incoraggiato accrescendo la mia autostima”.

“Grazie anche a nome degli allievi pugliesi che con il suo insegnamento sono oggi tutti validi ortodontisti. In ciascuno di noi e’ riuscito a far emergere le migliori doti, amplificandole e integrandoci in un gruppo omogeneo legato ancor oggi da spirito di collaborazione e radicata

amicizia”.

Il suo insegnamento e’ andato ben oltre la sola ortodonzia, condividendo con noi allievi anche il suo amore per l’arte, e trascorrendo insieme anche il poco tempo libero disponibile. Con il suo esempio abbiamo imparato a rispettare e amare i nostri pazienti, sopratutto i piu’ sfortunati e a condividere il piacere di trasmettere agli altri le nostre conoscenze, insegnandole senza gelosia.

Le sue parole dure o amorevoli rimarranno indelebili in ognuno di noi.

Alla scomparsa del suo maestro, il Professor Maj, sconsolato mi confido’ di sentirsi come se si fosse spenta l’unica luce che lo guidava, solo ora a distanza di anni comprendo e condivido questa sua sensazione.

“Grazie ancora grazie di tutto, Professore”.


Gaetano Cianci