Area Riservata

16/12/2011

Novità urgente del Decreto Legge "Salva Italia" D.L. 201/2011 in attesa di conversione in Legge

Il Decreto "Salva Italia", quarta manovra fiscale dell´anno 2011, introduce ulteriori numerose e complesse novità in ambito economico-fiscale rispetto alle tre manovre estive. Queste saranno oggetto di una specifica comunicazione del nostro Studio non appena il Decreto Legge sarà convertito in Legge dello Stato, conversione che dovrebbe avvenire indicativamente a "cavallo" del nuovo anno.

In attesa quindi della sua conversione in Legge e pertanto della sua piena operatività, segnaliamo una importante novità introdotta dal Decreto "Salva Italia" (D.L. 201/2011) in vigore dallo scorso 6.12.2011.

Ulteriore limitazione all´uso di contanti ed assegni trasferibili

Dopo l´ultima riduzione del mese di settembre 2011, è stato ulteriormente modificato, al ribasso (1.000 EUR), il limite per l´utilizzo di contante ed assegni trasferibili.

Il D.L. 201/2011 ha introdotto il  divieto, relativamente ad ogni  singola operazione (ad esempio una fattura), di incassare o pagare in contanti se gli importi sono pari o superiori ad EUR 1.000.

Questa limitazione vale anche per l´utilizzo di assegni trasferibili.

Pertanto, fatture con importi uguali o superiori ad EUR 1.000 potranno essere solo più incassate o pagate mediante:

- assegni non trasferibili

- bonifici bancari

- carte elettroniche (ad es. carte di credito)

- altri strumenti bancari
Si ricorda che il trasferimento è  vietato anche quando è effettuato con più pagamenti singolarmente inferiori a 1.000 EUR che appaiono però artificiosamente frazionati (acconto 600 EUR e saldo 500 EUR, anche se in date differenti).

Infine eventuali libretti di deposito al portatore (siano essi bancari o postali) dovranno, entro il 31 dicembre 2011, avere saldo inferiore a EUR 1.000.
Il divieto come detto è in vigore dallo scorso 6 dicembre anche se, in sede di conversione in legge, potrebbe essere ulteriormente modificato.

Consigli:
È opportuno prestare la  massima attenzione all´incasso o al  pagamento di  fatture in contanti (o con assegni trasferibili) per evitare di incappare in pesanti sanzioni.

Vi invitiamo comunque a contattarci per chiarire eventuali dubbi a riguardo.

Dott. Giorgio Brunero
Dott. Umberto Terzuolo
Dott. Alessandro Terzuolo
Dott.ssa Barbara Brussino