Chia 2017

13/03/2017

NEI CORSI PRATICI DI CHIA UN’AVVENTURA “CROSSOVER” ODONTOIATRA MEDICO


http://www.aio.it/public/uploads/2017/03/resize_1489415343_promo_hands_courses.jpgLe chiamano crossover. Nel fumetto sono quelle rarissime avventure in cui due personaggi cult si incontrano. Al 9° Congresso Internazionale dell’Associazione Italiana Odontoiatri, nei corsi pratici in programma a Chia il 15 e 16 giugno, i due personaggi in questione sono Odontoiatra e Medico, almeno in due se non in tre occasioni. La loro collaborazione è fondamentale in implantologia, prima e dopo il trattamento, nella progettazione dell’intervento come nella cura delle perimplantiti, e può avere rilievo anche nelle conoscenze anestesiologiche. A Chia si parla di cementi bioattivi, faccette, studio della morfologia gengivale nelle preparazioni; ma si parla anche di anestesia indolore, comuni denominatori nella cura di parodontiti e perimplantiti, e –ultima arrivata - di collaborazione Odontoiatra-Otorinolaringoiatra. 


Implantologia – Il corso pratico “dentista-specialista” è in programma giovedì (come gli altri tranne la protesica), e sarà tenuto da Sebastiano Rosa, già Presidente dell' Associazione Italiana Odontoiatri torinese, e Maurizio Catalani Direttore UO di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Koelliker di Torino. Il gruppo interdisciplinare di Rosa e Catalani mira a formare insieme implantologi e Orl sulle nuove tecniche. Negli ultimi anni si è standardizzato un protocollo di gestione dei pazienti da sottoporre a rieducazione implanto protesica che, a livello preventivo prevede l’invio all’Orl di tutti i casi dubbi di possibile problematica rinosinusale; grazie a nuove tecnologie  – fibroendoscopia, imaging con Tac cone beam– il medico à risposte all’ odontoiatra in previsione di procedure implantari, eventualmente indicando quali interventi terapeutici, farmacologici o chirurgici, mettere in atto ante-rieducazione. Fondamentale collaborare anche in caso di complicanza post implantare. 


Perimplantiti - Sempre giovedì pomeriggio, altro corso che coniuga problematiche odontoiatriche ed aspetti di medicina è quello a cura di Philip Sahrmann, Primario ospedaliero a Zurigo e specialista della terapia antinfiammatoria. L’odontoiatra tedesco si chiede fino a che punto le terapie in parodontiti e periimplantiti possano sovrapporsi. In molti aspetti l’infiammazione dei tessuti molli e duri attorno al dente e all’impianto si assomigliano. Ma l’anatomia dell’interfaccia istologica, la morfologia della radice e della vite e la posizione della connessione fra moncone e impianto mostrano differenze che influenzano diagnosi e terapia. L’uptodate consiste anche in esercitazioni pratiche sull’impianto step-by-step, nel modello complesso per la terapia resettiva e nell’impiantoplastica con enfasi sulla lavorazione delle aree osseo-disintegrate. 


Endodonzia – Il corso è in due sessioni, la prima –sui cementi Portland- è introdotta da Elisabetta Cotti titolare di Conservativa al corso di laurea di Cagliari e responsabile dell’UO all’ospedale Cagliari Monserrato con Mauro Cabiddu di Oristano, master di II livello in microendodonzia dell’Università di Torino. Questi cementi sono nati negli anni Novanta per sigillare le comunicazioni endo-parodontali e hanno permesso di ottenere una prognosi migliore anche quando perforazioni o riassorbimenti radicolari pregiudicavano il successo dell’intervento. L’uso ora si va spostando nel campo dell’otturazione endodontica convenzionale. Un’esercitazione dimostrerà come prepararli ed usarli sia nel riparare difetti dentali sia nell’otturazione ortograda dei canali. La seconda sessione a cura di Luca Mangani libero professionista a Roma e Latina, tratta della corretta gestione del dolore in anestesia. I pazienti ritengono che sia l'inserimento dell'ago a provocarlo durante l'iniezione, invece è il flusso dell'anestetico a causare disagio. A Chia sarà illustrato il sistema  STA (Single Tooth Anesthesia), primo macchinario per anestetico locale controllato da un computer che utilizza una sola iniezione per singolo dente.


Protesica - Venerdì è di scena il corso con Loris Prosper, professionista in Monza. Titolare dell’insegnamento di ‘materiali dentali’ al Clid, Università Vita e Salute San Raffaele Milano ed autore del libro "Bioestetica nella riabilitazione” (Quintessenza 2016), Prosper spiega come la forma della gengiva influenzi la preparazione del dente e quanta importanza rivesta la precisione marginale per ottenere un follow-up a lungo termine; saranno illustrati i primi risultati di uno studio ancora in corso su accuratezza marginale e risultati a lungo termine dei restauri. 


Faccette – Tornando a giovedì, è ormai “sold out” il corso pratico di Maxim Belograd di Kiev (Ucraina) specialista in microscopia dentale, co-organizzatore del gruppo internazionale MicroVision, membro attivo di Style World, e dal 2014  socio internazionale di StyleItaliano e del gruppo DSD Masters. Iscriversi a ciascun corso costa 100 euro per i soci ( per gli iscritti alle società partner del congresso 100 piu' Iva) ma contestualmente all'iscrizione all’AIO si riesce a pagare ancora 50 Euro. Per entrare nel mondo di Chia 2017, il link è congress.aio.it, anche per le prenotazioni alberghiere il consiglio è muoversi subito, http://bit.ly/AIO2017