Vita associativa

24/07/2015

Lettera del Presidente AIO Roma - Dott. Giovanni Migliano


 


 


Gentile collega


siamo giunti alle ferie estive. I primi mesi dell'anno sono trascorsi e come sempre AIO Roma e' stata protagonista nella difesa della libera professione. Come Presidente AIO Roma ho partecipato, in Regione Lazio, ad un tavolo tecnico riguardante le autorizzazioni ed in quella sede mi sono battuto affinché venisse rispettata una legge che oramai quasi tutte le regioni italiane rispettano e cioè' che gli studi odontoiatrici non siano sottoposti alla procedura autorizzativa. Cicerone diceva: " Il buon cittadino è quello che non può tollerare nella sua patria un potere che pretende d'essere superiore alle leggi ". Ecco io mi sento cittadino, un buon cittadino, che in un tavolo tecnico ho preteso, perché supportato da un degno e motivato Direttivo AIO Roma, il semplice rispetto della legge, per una categoria, purtroppo mai unita e spesso mal diretta.


Altro successo è stato ottenuto per l'AMA: grazie ad AIO Roma ed ai nostri avvocati che hanno preparato una lettera per il Comune di Roma per ottenere una delibera e far applicare una legge nazionale del 2014!


Infine solo nei primi 6 mesi di quest’anno AIO Roma ha organizzato ben 12 corsi di aggiornamento, dispensando 88 crediti ECM per i soci.


E allora mi chiedo: perché su 6000 iscritti all'ordine siamo ancora così pochi a voler essere edotti su tutte le problematiche che affliggono la nostra professione? E’ sotto gli occhi di tutti che oggi chi esercita la professione di dentista non è più associabile a persona ricca e benestante. E allora perché non proviamo ad uscire mentalmente dalle mura dei nostri studi e a confrontarci con altri colleghi seri ed onesti quali siamo, come testimoniano le telefonate di numerosi colleghi non soci AIO che puntualmente ci contattano quando hanno bisogno di riferimenti chiari?


Vi invito a  spendere un po’ di tempo delle meritate vacanze per andare a vedere cosa abbiamo fatto, cosa stiamo facendo e cosa dobbiamo ancora fare per difendere i nostri diritti di onesti liberi professionisti, ma per fare ciò dobbiamo avere il vostro supporto con l'iscrizione ad AIO.


 


AIO Roma da 30 anni dà informazione completa e ti considera un professionista, non un numero, ma dobbiamo essere uniti, fare fronte comune, essere informati e non cercare aiuto solo nell’emergenza, quando diventiamo facili prede di società di servizi nate ad hoc.


 


Roma 24 luglio 2015

Buone meritate vacanze


Giovanni Migliano