Dall'Estero

23/11/2015

LANDI PRESIDENTE CED, STORICA AFFERMAZIONE DELL'ODONTOIATRIA ITALIANA IN EUROPA


 


Storico risultato per l'Odontoiatria italiana. Marco Landi è stato eletto Presidente del Consiglio Europeo dei Dentisti, organizzazione che rappresenta la categoria odontoiatrica a Bruxelles in sede comunitaria, fa da consulente alla Commissione europea per l'Odontoiatria e raggruppa 32 associazioni odontoiatriche tra cui AIO in rappresentanza di 340 mila dentisti e 30 paesi aderenti. Landi succede all'austriaco Wolfgang Doneus e ricordiamo che anche alla precedente tornata elettorale era stato il candidato più votato. Associazione Italiana Odontoiatri era presente a Bruxelles con il Presidente Pierluigi Delogu e con i Rappresentanti Esteri: Gerhard Seeberger e Stefano Colasanto.


«Associazione Italiana Odontoiatri è orgogliosa per la vittoria di un candidato italiano», afferma Delogu. «Landi è prima di tutto un collega di assoluto spessore e ha dimostrato il suo valore in questi anni di impegno in Ced. La sua elezione testimonia poi quanto l'Odontoiatria italiana sia ascoltata negli ambienti professionali di Nord e Sud Europa, in un momento assolutamente delicato. Alla vigilia dell'adozione della Tessera Professionale Europea e del regolamento sulle banche dati Imi che renderà più facili i trasferimenti di Professionisti da un Paese all'altro in ambito comunitario, si delinea a Bruxelles la volontà della Commissione Europea di disciplinare le qualifiche professionali sanitarie a partire da quelle con i percorsi di studi più semplici: infermieri, igienisti dentali, fisioterapisti. L'equazione è intuibile: rendere più accessibili le prestazioni consentendone la "devoluzione" a professioni che non hanno alle spalle percorsi di studi clinici. Con l'elezione di Landi i dentisti europei hanno voluto rimarcare tra le altre cose che il Dentista resta un clinico e che il suo curriculum non è "ridondante" ma è una garanzia obiettiva per il paziente».