Manifestazioni ed eventi

23/01/2012

GNYDM e AIO portano l'eccellenza italiana a New York


Dopo l´ormai consolidata presenza al Midwinter di Chicago, ora l´Associazione Italiana Odontoiatri estende la sua presenza anche al Greater New York Dental Meeting


L´impegno a livello internazionale di AIO - e in particolare del suo rappresentante per l´estero Gerhard Seeberger - ha permesso l´organizzazione di un´intera giornata congressuale all´interno dell´87° Greater New York Dental Meeting, che, attraverso i suoi relatori, ha testimoniato la qualità scientifica e clinica dell´odontoiatria italiana.


Tenutosi presso lo Jacob K. Javits Convention Center di New York nel mese di novembre 2011, il congresso ha ospitato più di 53.000 odontoiatri e una mostra merceologica con 1.500 espositori.


Tra i maggiori eventi mondiali in ambito odontoiatrico, il Greater New York Dental Meeting - in breve GNYDM - rappresenta un´occasione esclusiva per confrontarsi con culture e approcci clinici differenti, scambiare esperienze e condividere gli obiettivi di tutela della salute orale al di là di ogni confine.


La giornata dedicata all´esperienza italiana era identificata dal tema "Odontoiatria Made in Italy tra stile e genio" e la sua presentazione nel programma testimonia la credibilità che l´odontoiatria italiana gode in ambito internazionale: "Nel campo dell´odontoiatria l´Italia si posiziona fra i paesi dove si pratica l´odontoiatria migliore. Lo testimonia la presenza di professionisti italiani che insegnano nelle più prestigiose università nel mondo e l´apprezzamento dei prodotti di qualità dell´industria dentale d´Italia".


I relatori chiamati a rappresentare l´Italia hanno certamente risposto alle aspettative con l´esperienza clinica e la chiarezza espositiva indispensabili per trasmettere conoscenze e approfondimenti. Su palco si sono quindi succeduti Pierluigi Delogu, che ha tenuto un´esaustiva relazione sui più moderni orientamenti dell´ortodonzia, Marzia Segù, che ha tracciato una fotografia della situazione italiana e dell´approccio conservativo e counseling nella gestione dei disordini temporo-mandibolari, Fausto Fiorile, che ha tenuto un mini-corso sui problemi trasversali in ortodonzia, Denis Poletto, che ha illustrato l´affascinante mondo della medicina tradizionale cinese e dell´agopuntura, Gerhard Seeberger, che ha illustrato la gestione di casi complessi in chirurgia implantare, Enzo Macrì, che ha tenuto una relazione sugli aspetti psicologici della relazione odontoiatra-paziente e Cesare Ferri e Reginaldo Bartolloni, con un excursus dalla protesi fissa su impianti all´overdenture nella riabilitazione del paziente edentulo.


Pierluigi Delogu, Presidente AIO, ha così commentato l´esperienza newyorchese: "È stato un evento importante non solo per AIO, ma anche per tutta l´odontoiatria italiana. È stato un onore rappresentare ancora una volta la categoria in ambito internazionale e, soprattutto, in un contesto così importante come quello del congresso di New York. L´apprezzamento riscontrato nei confronti del programma presentato e dei suoi relatori ci esorta ulteriormente a continuare a testimoniare l´impegno e la serietà che ciascuno di noi dedica all´esercizio della professione, con la consapevolezza che l´obiettivo finale è sempre la tutela della salute del cittadino".



Il successo ottenuto a New York ha portato già a confermare la presenza anche all´edizione 2012 del GNYDM che si terrà dal 23 al 28 novembre.