Iniziative per i cittadini

27/03/2017

GIORNATA MONDIALE SALUTE ORALE, AIO E AISO INSIEME NELLE PIAZZE


Il drago Dragherò (nella foto con il Presidente AIO Roma Giovanni Migliano), uno strano Batman e tanti Soli che ridono; maschere e coreografie hanno caratterizzato la “festa” tenuta nelle piazze italiane da Odontoiatri e Cittadini per la Giornata Internazionale per la Promozione della Salute Orale. Un evento nato per insegnare regole igieniche e di prevenzione “sotto i gazebo”, che ha il suo “epicentro” il 20 marzo di ogni anno, data fissata dalla Fédération Dentaire Internationale, ma che le Associazioni Odontoiatriche celebrano anche nei week-end precedenti e successivi. Eccellente il bilancio di Associazione Italiana Odontoiatri-AIO . «Con gli studenti delle scuole di odontoiatria di AISO, abbiamo “contattato” 50 mila persone nelle 40 piazze d’Italia coinvolte», afferma Denis Poletto responsabile della consulta culturale AIO. «Da 5 anni la nostra associazione, ottomila soci aderenti in Italia, e FDI, sindacato mondiale dei dentisti con oltre un milione di iscritti da cento paesi, sostengono il World Oral Health Day. Apriamo gli studi per visite gratuite, indiciamo incontri aperti nelle facoltà universitarie –com’è avvenuto in passato a Foggia e Roma – o persino nelle carceri (a Vicenza). Quest’anno ci siamo concentrati sul dialogo “lì per lì”, con la gente, superando, anche grazie al bel tempo, i risultati pur lusinghieri degli anni scorsi». Fondamentale l’apporto degli studenti AISO. Erika d’Urso National Prophylaxis Officer, al cui contributo si devono alcune immagini utilizzate nel filmato WOHD 2017, sottolinea come da Nord a Sud «ciascuna sede ha svolto la Giornata sia in piazze e centri commerciali sia in altri luoghi di ritrovo, ad esempio tra la popolazione immigrata, nei quali è stata mostrata l'importanza di prendersi cura del proprio cavo orale».


«A Pisa davanti alla Torre il banchetto allestito con gli studenti ha sfiorato il migliaio di contatti», riepiloga il segretario AIO Gaetano Memeo. «Ad Ancona gli studenti AISO in piazza e davanti alle scuole hanno distribuito pillole di buone pratiche; a Bari la parte del leone l’hanno fatta i soci AIO sotto i gazebo con la Croce Rossa Italiana e ad accompagnare le illustrazioni ai bambini è comparso uno strano supereroe con la maschera rossa, così come a Roma ad aiutare gli odontoiatri e gli studenti della Cattolica è arrivato il Dragherò, draghetto rosa e viola con una grande bocca; a Catania ha campeggiato il manifesto “sorridi alla vita” con lezioni di anatomia AIO-AISO sotto il gazebo; e così a Catanzaro, Perugia, Parma e una ventina di capoluoghi», elenca il segretario AIO Gaetano Memeo. Ma è a Cagliari, dove hanno avuto luogo le consuete visite agli anziani nelle case di riposo, che si è battuto ogni record con 5 mila cittadini contattati in piazza. Altro grande successo a Parabita, nel leccese, dove si sono registrati centinaia di spettatori in una performance nel teatro locale per gli studenti di elementari e medie.  A Brindisi al Ki Point c’è stato modo persino di effettuare visite gratuite nell’ambito di 300 passaggi; a Sassari si sono registrati ben 1500 passaggi adulti/bambini nello stand informativo in piazza, e così a Catania e sul corso di Foggia e a Frosinone dove i passaggi sono stati 2 mila in 2 giorni. Da Trieste, la testimonianza di Andrea Macrì, viceconsigliere culturale AISO: «Sabato 18/3 nella centrale piazza Borsa con i colleghi AIO e AISO abbiamo raccolto almeno 500 contatti con 2500 volantini realizzati con la cooperazione dei Professori del nostro Corso di Laurea, 500 per argomento, andati a ruba. Gli studenti al 4°- 5°-6°anno di corso sensibilizzavano sulla prevenzione dei tumori del cavo orale, mentre la prevenzione generale con informazioni su spazzolamento e lotta alle afte è stata affidata agli studenti al 2° e 3° anno del corso e agli studenti in Igiene Dentale. Sono stati distribuiti e compilati questionari anonimi per sondare la conoscenza dei cittadini principalmente sulla tematica del tumore al cavo orale». Come segnala Poletto, non finisce qui. «Ai primi di aprile organizziamo un fuori programma a Napoli, e successivamente nelle aree terremotate. Vorremmo che ogni giorno fosse giornata della Prevenzione, e stiamo attivando iniziative per riuscire nell’intento. Il nostro obiettivo è che sia sempre Giornata della Prevenzione. La logica AIO è fare in modo che la prevenzione sia ogni giorno al centro dell’attività dell’Odontoiatra».