Sindacato

21/01/2008

Comunicato stampa ADI su Tariffario

Comunicato stampa ADI

Associazione Dentisti Italiani- ROMA


L'ADI, Associazione Dentisti Italiani,


alla luce del notevole disagio  universalmente creatosi con la volontà

prevaricatrice di un imprecisato numero  di dentisti strutturati in

sindacato di addivenire ad accordi e convenzioni con lo Stato partendo dalla

definizione del tempo operatorio, delle tariffe minime e massime per

arrivare all'accorpamento multiplo degli studi professionali per ottenere

sconti fiscali;


non credendo che né con la svendita della dignità della professione, né con

i saldi di stagione, né con la rottamazione degli studi si possa risolvere

il problema della pletora, riconoscendo e volendo condividere l'impegno

della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO volta a  salvaguardare il

diritto alla salute dei cittadini ed i diritti fondamentali di quei

Professionisti seri e preparati che con la loro dignità hanno condotto la

Categoria all'eccellenza con gli enormi progressi che sono sotto gli occhi

di tutti;


nell'intento inoltre di evitare in un momento come questo un'ulteriore

conflittualità e confusione di ruoli salvaguardando la dignità e gli

interessi dell'intero comparto, auspica una linea di difesa comune contro

questi attacchi ai nostri diritti fondamentali;

 

invita


la Componente Odontoiatrica della Federazione degli Ordini, massima

espressione istituzionale della Professione tutta, a promuovere con la

massima celerità un Incontro con le Associazioni delle Categorie

Odontoiatriche ed Odontotecniche, l'Accademia, le Società Scientifiche, e

con tutti coloro che con buona volontà e senso di responsabilità vogliano

intraprendere, alla luce di quanto si sta verificando, un nuovo cammino

unitario in contrasto a questa attuale scientifica distruzione della

Professione e conoscendo la posizione espressa dalla CAO Nazionale e delle

differenti parti referenti, sull'annosa diatriba riguardo al Profilo

dell'Odontotecnico,


auspica altresì


la contestuale apertura di un ulteriore tavolo sulla problematica al fine di

ridiscutere il percorso già iniziato, per perseguire con l'accordo di tutti

soluzioni condivise e definitive al fine di tutelare la Professione.


Il Presidente Nazionale ADI

Prof. Giovanni Dolci  


Il Segretario Nazionale ADI                           

Dott. Emilio Casabona           

                      

Il Presidente Libera Professione ADI

Dott. Roberto Mazzanti