Chia 2017

03/04/2017

CHIA 2017, ECCO IL PERCORSO AZZURRO, FULL IMMERSION IN ORTODONZIA E PEDODONZIA DA 23 CREDITI


Un mare di sessioni di grande interesse caratterizza il 9° Congresso Internazionale dell’Associazione Italiana Odontoiatri in programma in Sardegna a Chia (Cagliari) dal 15 al 17 giugno. Come scegliere quelle che più servono per lo specifico aggiornamento di ciascun discente? «Ci sono sette percorsi per ottimizzare i crediti», spiega l’organizzatore del Congresso Enrico Lai. «Nella tre giorni giovedì-sabato si può approfittare di strade preferenziali per mettere insieme una formazione approfondita. In questo caso iniziamo dal percorso azzurro che interessa chi pratica ortodonzia, chi segue i bambini, chi è interessato allo sviluppo della dentatura e a quel che di importante si può fare per farla crescere e mantenerla in armonia, per chi scommette su estetica e funzionalità. Offre 23 crediti ECM ed è aperto al confronto con le esperienze di altri paesi».


Si parte con la pedodonzia. Il giovedì è in programma il precongresso dalle 9 alle 12 con Luis Karakowsky Presidente del Programma di Pedodonzia all’Università Tecnologica del Messico; Maria el Khoury, radiologa, e Jean Claude Abou Chedid del Dipartimento di Pedodonzia dell’Istituto St Joseph di Beirut trattano il management dell’emergenza dentale nei bambini. Ma il clou della sessione è probabilmente il “nostro” Roberto Olivi Mocenigo autore del libro “Odontoiatria infantile pratica” (2016), che a Chia tratta di interventi con minimo spargimento di sangue e minimo dolore e di screening con tecnologia laser Diagnodent e Diagnocam che permette di scoprire l’attacco carioso sempre più precocemente nonché di ozono terapia con cui si può bloccare l’avanzata della carie nel modo meno doloroso possibile.


Il venerdì dalle 9 alle 12 ecco il simposio internazionale con il russo Vladimir Sadovski, l’israeliano Eitan Mijiritsky (Israeli Association of Oral Implantology) e Alessandro Rampello odontoiatra e docente scienze gestionali Polo Molise. L’ultima parte è affidata alla medicina estetica del terzo inferiore del volto, svolta in una rapida carrellata aging, face-lifting e labbra e dintorni con il dermatologo Giuseppe Maria Izzo, Maria Albini Direttrice Congresso ICAMP di Milano e Paola Tarantino Direttore della scuola ICAMP. Poi, dalle 14 del venerdì e per tutta la giornata di sabato 17 si alza il sipario sul 4° simposio AIO-SIDO; i presidenti attuale ed eletto della Società di Ortodonzia Paola Cozza (Università Tor Vergata) e Giuseppe Fiorentino parlano rispettivamente delle tecniche per allargare il mascellare superiore e delle regole di ingaggio tra odontoiatra ed ortodontista in un rapporto longlife; Marzia Segù dell’Università di Pavia tratta dei legami tra problemi anatomici ed apnee ostruttive; infine, relaziona Giuseppina Laganà, coordinatrice del Master biennale di II livello in Ortognatodonzia, Università Tor Vergata. Sabato 17 giugno (9-18), il “clou” con il confronto Italia Spagna. Domingo Martin dell’Università di Bilbao per gli iberici e Renato Cocconi del centro di chirurgia ortodontica FACE a Parma si confrontano su estetica e funzione nel paziente interdisciplinare e sulle diagnosi e i piani di trattamento e correzione di morsi aperti severi con e senza chirurgia; Martin spiega in quali casi e come evitare la chirurgia. Un cocktail di formazione d’alta qualità, dunque, al costo di 300 euro - per tutto il corso- se ci si iscrive all’AIO contestualmente, altrimenti il corso e il pecorso “azzurro” sono fruibili al costo di 400 euro per i soci AIO, e 400 euro più Iva per i soci delle società partner di AIO (per il dettaglio richiamiamo al sito congress.aio.it)  beninteso se ci si iscrive entro il 30 maggio 2017.


Per gli studenti AISO il costo è 100 Euro. Anche per prenotare la sistemazione alberghiera è meglio fare in fretta, il richiamo della Sardegna non è solo per chi fa formazione, dunque il link è http://bit.ly/AIO2017