Per i professionisti

29/01/2014

AIO ROMA SCRIVE A LALA: CI AIUTI A DEBUROCRATIZZARE LE AUTORIZZAZIONI DEGLI STUDI ODONTOIATRICI


A nome dei 25 mila dentisti laziali l’Associazione Italiana Odontoiatri chiede un incontro al Presidente della Regione Nicola Zingaretti e al presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Roberto Lala per cambiare il complesso iter autorizzativo degli studi odontoiatrici in Lazio e nella Capitale, che accomuna gli studi dentistici a complessi ambulatori medici.


«Le ultime sentenze del TAR confermano il nostro pensiero – spiega il presidente AIO Roma Giovanni Migliano - e cioè che lʼautorizzazione all'esercizio dell'attività professionale mai rilasciata dalla Regione


Lazio e la conferma della stessa, normata dall'articolo 38 e successive modifiche, non erano dovute».


Lala non era presente all’incontro organizzato da AIO all’Ospedale San Pietro di Roma per fare un punto sull’attuale normativa – che prevede la presentazione di diciassette gruppi di documenti a carico del dentista che voglia farsi autorizzare – e sulle inefficienze della Regione che hanno portato l’anno scorso 25 mila professionisti a ripetere la consegna dei faldoni, stavolta online, perché i documenti da essi consegnati nel 2007 non si trovano più.


Aio Roma e Aio Lazio chiedono che che per lʼapertura degli studi odontoiatrici monoprofessionali o associati basti inviare una semplice segnalazione certificata di inizio attività, come in altre Regioni, e che i controlli delle ASL negli studi odontoiatrici sulla documentazione 2012 vengano bloccati, «finchè non verranno uniformati i criteri ispettivi, dal momento che ogni ASL ne adotta di propri in modo arbitrario».


Link:


Lettera al Dr Roberto Lala: http://www.aioroma.it/joomla/index.php/regione-lazio-autorizz-sanitarie/436-2013-05-08-lettera-al-dott-roberto-lala-e-al-dott-brunello-pollifrone.html


Lettera a Nicola Zingaretti: http://www.aioroma.it/joomla/index.php/regione-lazio-autorizz-sanitarie/413-2013-03-21-lettera-a-nicola-zingaretti.html

Mauro Miserendino